IL PROSSIMO AVVERSARIO: DOLOMITI ENERGIA TRENTO

La prossima avversaria dell’Alma Pallacanestro Trieste si chiama Dolomiti Energia Trento: formazione che attualmente occupa la nona posizione in classifica, con gli stessi punti dei biancorossi (22, frutto di un bilancio di 11 vittorie e 10 sconfitte), il team bianconero all’andata fu sconfitto 85 – 74 all’Allianz Dome, in un match dove i top scorer triestini risultarono Justin Knox (20 punti e 7 rimbalzi) e Daniele Cavaliero (19 con 5/9 dalla lunga distanza).

Allenato da Maurizio Buscaglia, il sodalizio trentino ha nel regista americano Aaron Craft il vero leader: 12 punti in 30.3 minuti di media, con 4.9 assist e 4.3 rimbalzi oltre a 2.1 recuperi con il 55.5% da due ed il 37.9% nelle triple per questo bianco che ha movimenti elettrici e grande visione di gioco. Sul perimetro, un altro pericolo è la guardia USA Devyn Marble (198 cm, 1992), top scorer della Dolomiti Energia con 13.1 punti ad allacciata di scarpe, pur senza tirare con molta precisione dal campo: 38.1% da due e 36.5% dalla lunga i suoi numeri, in 27.6 minuti di media. L’ala piccola è il portoghese Joao “Beto” Gomes, trentaquattrenne di due metri che vale 10.4 punti e 6.8 rimbalzi e sa segnare dalla lunga come da distanza ravvicinata.

La coppia di lunghi titolari è formata da Davide Pascolo e Dustin Hogue: “Dada”, friulano di 204 centimetri, in 23 minuti di media colleziona 7.1 punti, 4.2 rimbalzi e 1.2 assist con il 57.1% da due, ed ha buonissimi movimenti vicino a canestro, oltre ad un tiro dalla media brutto da vedere ma molto efficace. Il “5” è Hogue, atleta sottodimensionato (198 centimetri) ma di grande intensità ed agonismo: in 24.8 minuti ad incontro spreme 10.7 punti e 5.5 rimbalzi con il 55.8% da due ed il 55% ai liberi.

Dalla panchina si alzano l’esterno azzurro Diego Flaccadori (8.8 punti, 2.6 rimbalzi e 1.5 assist), giocatore del ’96 di ottime prospettive, e capitan “Toto” Forray, playmaker di 188 centimetri dall’innata carica agonistica: per lui ci sono 6.9 punti in 19.8 minuti di media. Cambio importante per gli esterni è il romanese Fabio Mian, guardia/ala di 196 centimetri che segna 6 punti in 14.3 minuti a partita con il 45.2% nelle triple, mentre in area c’è il serbo Nikola Jovanovic (211 cm, 1994), che vale 6.6 punti e 4.2 rimbalzi.

A completare il roster a disposizione di coach Maurizio Buscaglia c’è l’ala forte classe ’98 Andrea Mezzanotte (1.0 punti e 0.5 rimbalzi) insieme al pivot Luca Lechthaler, trentatreenne di 205 centimetri che contribuisce con 1.3 punti e 1 rimbalzi a partita in 5.7 minuti.